Vai al contenuto

Politiche pro family in Ungheria

Il governo ungherese pro family offrirà alle coppie sposate un prestito di circa 30.000 €  che non dovrà essere restituito se la coppia ha tre figli.

La misura fa parte del piano del primo ministro Viktor Orban per incoraggiare la crescita demografica in un paese con uno dei tassi di natalità più bassi d’Europa. Finora, secondo un portavoce del governo, migliaia di famiglie hanno chiesto prestiti o altri sussidi durante il mese di luglio.

Le coppie riceveranno i fondi sotto forma di prestito, che dovranno rimborsare fino a che non diventeranno genitori di tre figli. I prestiti devono essere pagati mensilmente. Tuttavia, se le coppie  dovessero avere un figlio entro cinque anni, gli interessi sul prestito saranno sospesi e lo stesso per i rimborsi, sospesi per tre anni.

Per poter beneficiare del prestito ci sono dei criteri specifici, tra cui il fatto che la coppia deve essere sposata, che il matrimonio deve essere il primo per almeno uno dei coniugi, che la donna deve avere tra i 18 e i 40 anni e che uno dei coniugi deve aver pagato almeno 180 giorni di contributi fiscali in Ungheria.

Le coppie sposate che usufruiscono del prestito e che non hanno il primo figlio o non ne hanno alcuno entro i primi cinque anni, saranno costrette a rimborsare l’intero importo del prestito entro un periodo di quattro mesi, a meno che non siano in grado di presentare un certificato medico.

Secondo Katalin Novák, Ministro di Stato ungherese per la famiglia, la gioventù e gli affari internazionali, 1.300 coppie hanno già ricevuto il prestito. Nel descrivere il “piano d’azione per la protezione della famiglia in Ungheria”, Novak ha detto che la maggior parte di loro ha richiesto il prestito massimo di 30.000 €. Le coppie che richiedono il prestito dopo la dodicesima settimana di gravidanza, possono automaticamente sospendere per tre anni i rimborsi del prestito.

Questi prestiti non sono l’unica politica che il governo ungherese effettua a sostegno del matrimonio e delle nascite. Ad esempio, il governo ha ricevuto circa 3.000 richieste di cancellazione del credito ipotecario in sospeso, mentre 6.400 famiglie numerose hanno presentato richieste di sussidi per l’acquisto di automobili, secondo Novak. A partire dal 1° luglio, le famiglie ungheresi possono richiedere la cancellazione del mutuo statale di 30.000 € quando nasce il secondo figlio, seguita dall’eliminazione di oltre 4 milioni di fiorini (135.000 dollari) per un terzo figlio, e di un altro milione di fiorini per ogni figlio successivo.

I prestiti governativi costituiscono l’asse portante delle politiche e del bilancio familiare del governo ungherese, annunciato all’inizio di quest’anno dal Primo Ministro Orban nel tentativo di affrontare il bassissimo tasso di natalità dell’Europa centrale, senza dover fare affidamento sull’immigrazione di massa dall’esterno.

Il tasso di fertilità nell’Unione Europea è di 1,6, inferiore al tasso di sostituzione del 2,1 necessario per sostenere una popolazione. L’Ungheria aveva un tasso di sostituzione di 1,57 nel 2017.

 

Chiara Chiessi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: