Diventa Uno di Noi- linee guida UPV

LINEE GUIDA UpV

Chi siamo?

Siamo un gruppo di studenti universitari e post universitari che difendono la vita dal concepimento alla morte naturale, diffondendo la cultura pro vita negli Atenei italiani e nelle scuole. Fondatrice e attuale Presidente degli UpV è Chiara Chiessi, studentessa di Lettere Classiche presso l’Università degli Studi “Roma Tre”.

Come?

Organizziamo iniziative culturali e di sensibilizzazione di vario tipo: aperitivi nelle Università per parlare direttamente con gli studenti e lasciare loro il materiale informativo; distribuzione di volantini e materiali pro vita; feste; concerti; aperitivi nei locali per avvicinare altri studenti; convegni nelle Università; iniziative pubbliche e manifestazioni; incontri di formazione con esperti; scrittura di articoli per il nostro sito universitariperlavita.org

Gli Universitari per la Vita accolgono nella loro realtà chiunque, a prescindere da confessione o partito politico, a patto che condivida la linea stabilita.

Perché?

L’aborto uccide un bambino ogni 5 minuti in Italia, nel silenzio-assenso di quasi tutti; l’eutanasia, con l’approvazione della legge sulle DAT, è praticamente divenuta legale anche da noi: è necessario resistere a questa cultura della morte e difendere pubblicamente il diritto alla vita, coinvolgendo e sensibilizzando gli studenti nei luoghi di “formazione”: università e scuole. Perché non si può stare in silenzio di fronte all’uccisione di tanti innocenti.

Qual è la nostra linea?

Gli UpV seguono una linea ben precisa, espressa nel libro “Aborto e 194” del giurista Prof. Mario Palmaro (Sugarco Edizioni, Milano 2008).

Gli UpV in particolare:

1) affermano sempre il valore e la dignità di ogni essere umano, e che questo sia tutelato dalla società, dalla cultura e dalle leggi civili. Promuovono una cultura dell’accoglienza di ogni vita come un dono e valore in sé, contrapponendosi alla mentalità abortista diffusa nella nostra società.

2) diffondono la cultura pro vita, cioè il rispetto della vita di ogni persona dal concepimento alla morte naturale, nelle università e nelle scuole, nelle parrocchie e nei gruppi giovanili.

3) operano concretamente per aiutare le ragazze in difficoltà durante una gravidanza.

4) denunciano pubblicamente l’ingiustizia della legge 194/78, della legge 219/2017, inerente le disposizioni anticipate di trattamento (DAT), e della legge 40/2004 e di ogni altra legge che non tuteli il diritto alla vita o che autorizzi la manipolazione di questa.

5) partecipano e diffondono l’evento marcia per la vita, principale evento pro life italiano

6) studiano e si formano su testi pro life (i testi base del gruppo si trovano alla sezione Bibliografia del sito), partecipano a corsi di formazione (l’adesione ufficiale del gruppo a questi corsi viene stabilita dal Direttivo e diventa percorso di formazione).

Struttura dei gruppi:

Gli Universitari per la Vita hanno sede a Roma. Si strutturano in un Direttivo, composto da poche persone che prendono decisioni in accordo con il Presidente, al quale spetta l’approvazione finale di ogni iniziativa.

I membri del gruppo, divisi ciascuno a seconda dei propri interessi e desideri, in gruppi organizzativi (gruppo organizzazione aperitivi, gruppo social, gruppo raccolta fondi per iniziative, gruppo scrittura articoli; in ciascun gruppo c’è un referente), propongono al referente dei consigli o nuove iniziative, che vengono riferiti da quest’ultimo ai membri del Direttivo che decideranno a riguardo.

I gruppi di altre città italiane che sorgono dall’esempio del gruppo romano, si chiameranno “amici degli universitari per la vita- città”, avranno un loro statuto (se lo vorranno), un loro direttivo, e potranno utilizzare il logo UpV per iniziative solo se l’utilizzo sarà approvato dal Direttivo di Roma e se sarà conforme alla linea degli UpV.

 Gruppo organizzazione aperitivi:

Lo scopo del gruppo è quello di coordinare in toto l’organizzazione di aperitivi e volantinaggi.

Il referente del gruppo si occuperà di inviare mail per avere l’autorizzazione da parte dell’università per le iniziative ed in sede di assemblea si parlerà delle date per garantire che un buon numero di persone sia presente agli aperitivi.

Il gruppo organizzativo farà in modo che ci sia una loro buona presenza agli aperitivi, se gli altri membri fossero impegnati in altre iniziative.

Si occuperà inoltre di portare tutto il necessario (volantini, fetini) ed anche bibite e snack per l’aperitivo.

Gruppo Social:

Il gruppo social, più ristretto, coordina la pubblicazione di immagini, video ed articoli sui canali social UpV.

Si divide in alcuni membri che si occupano della pagina fb, altri del canale instagram ed altri ancora dell’aspetto grafico del sito web.

Se ci fossero degli elementi di controversia o non tutti sono d’accordo nella scelta di articoli o determinate immagini, una volta sentiti i pareri, il Direttivo si riunirà per decidere.

 Gruppo raccolta fondi:

Il gruppo si occupa di organizzare piccoli eventi con banchetti fuori alle parrocchie o dove viene permesso, per raccogliere fondi per le iniziative.

Nei banchetti si possono mettere volantini, penne,  fetini ed altro materiale pro life conforme alla linea degli UpV.

Gruppo scrittura articoli:

Il gruppo comprende tutti coloro che, ciclicamente o no, scrivono articoli per il sito.

Gli articoli, per la lettura e la pubblicazione sul sito, andranno inviati al referente del sito ed al presidente.

Saranno loro, consultandosi se necessario con esperti o professori pro life dell’ambito, a decidere per la pubblicazione o se sono necessarie modifiche per renderli conformi alla linea degli UpV.

Il referente degli articoli, si occuperà di stabilire un calendario con gli autori per avere coperti più giorni possibili, e gli autori decideranno con lui i temi da trattare a seconda anche delle proprie inclinazioni e studi.

Come iniziare se nell’università non c’è un gruppo UpV?

Come prima cosa è necessario riunire almeno un paio di persone, individuando tra esse un referente. Poi, pur sapendo che non esistano regole precise su come fare attivismo pro vita nella propria Università, consigliamo di:

1) Richiedere materiale UpV (ad es. volantini e fetini), scrivendo una mail all’indirizzo uniperlavita@gmail.com.

2)    Andare dal Cappellano della propria Università per presentare il gruppo e parlare con gli studenti che frequentano la Cappellania per avere più possibilità di trovare studenti interessati.

3)  Cercare altri studenti che possano essere interessati (tramite i contatti del Cappellano e con il passa parola, parlare con i propri amici tra una lezione e l’altra, in pausa pranzo ecc..).

4)  Organizzare un volantinaggio quando si è già un certo numero (5-6 persone).

5)  Se necessario, aprire una pagina Fb ( con il nome “Amici degli Upv”) presentando il gruppo UpV che sta nascendo nella propria Università ed invitando altri studenti a prendere contatti ed unirsi.

6)  Prima di organizzare iniziative pubbliche in Università, è consigliabile organizzare un aperitivo in un locale fuori dall’Ateneo invitando tutti gli interessati. Questo per creare un gruppo base solido che sia in grado di fronteggiare le eventuali difficoltà che dovessero sorgere in un secondo momento, quando si faranno iniziative pubbliche nell’Università.

7)  A seconda dell’impatto e del numero di persone che intendono impegnarsi, si può organizzare un aperitivo all’interno del campus.

8)  Parlare con i Docenti che possono essere interessati alle attività del gruppo. Con i più disponibili, chiedere 5 minuti prima o dopo la lezione per presentare gli UpV.

Tutte le iniziative che utilizzino il logo UpV devono essere segnalate per conoscenza dai referenti locali alla Presidente nazionale (titolare del suddetto logo UpV) che provvederà, insieme al Direttivo, a darne l’approvazione effettiva.

Come ottenere l’autorizzazione per iniziative pubbliche

Ogni iniziativa pubblica deve essere comunicata alle Autorità competenti e da esse approvata, sia che si tratti di volantinaggio, di aperitivo in Università o di convegno.

Una settimana o due settimane prima dell’evento (nel caso del convegno almeno un mese) è necessario far avere, tramite mail al Direttore del Dipartimento in cui si vuole organizzare l’iniziativa, una descrizione del gruppo, il tipo di iniziativa che si intende organizzare ed allegare il volantino che si vuole distribuire. Ogni Università ha regole diverse ed è necessario informarsi ed eventualmente farsi aiutare da un Rappresentante degli Studenti per l’iter burocratico.

L’Università non può negare il permesso, se l’iniziativa è pacifica e ragionevole e se la richiesta viene effettuata secondo le tempistiche. (art. 19 Dichiarazione Diritti Umani: “ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione”; art. 20 “ogni individuo ha diritto alla libertà di riunione e di associazione pacifica”).

Partiti Politici in Università e non

Gli UpV sono apartitici, quindi NON si legano, né collaborano, né prendono parte ad iniziative politiche organizzate da partiti universitari e non universitari. Possono esprimere apprezzamento e diffondere sui loro canali iniziative politiche volte alla tutela e difesa della vita umana, ma senza per questo aderire al partito ufficialmente come gruppo.

Cosa dire durante gli aperitivi?

Gli aperitivi sono un momento per far conoscere il gruppo agli studenti e per parlare insieme della difesa della vita.

È necessario avere gli strumenti adeguati e le conoscenze per rispondere agli interrogativi degli studenti, dunque consigliamo la lettura del libro “Aborto e 194” che smonta passo dopo passo le obiezioni degli abortisti.

A questo propostito, gli UpV organizzano incontri di formazione che, previo consenso dei relatori, possono essere seguiti sulla pagina Fb degli UpV in modalità LIVE.

Organizzazione di convegni nelle Università

Per l’organizzazione di convegni in università o in altri luoghi, in cui è presente il nome ed il logo “universitari per a vita”, è necessaria l’autorizzazione del Direttivo, sia se i convegni siano organizzati dal gruppo di Roma sia dai gruppi “Amici degli Upv”.

Anche in questo caso, è fondamentale non legarsi a partiti politici, (dunque non dovranno comparire loghi di partiti nella locandina) neanche nell’organizzazione e diffusione della conferenza.

 

 Ecco il volantino versione rossa e bianca che puoi scaricare e stampare.

Possiamo fornirti anche riproduzioni di fetini di 10 e 12 settimane da mostrare ai tuoi amici, e penne personalizzate con il logo UpV.

Scrivici su uniperlavita@gmail.com