Vai al contenuto

Testimonianza di un’ex abortista: una donna sana ha scelto di abortire un bimbo sano al sesto mese di gravidanza.

L’ex abortista Patti Giebink, ora pro-life, ha scritto un’autobiografia riguardante il periodo della sua vita in cui ha lavorato per Planned Parenthood. In tale autobiografia, Giebik descrive l’incontro con una donna incinta che stava facendo un’ecografia per stabilire l’età gestazionale. La donna era visibilmente incinta e quello è stato il momento in cui la sua personale opinione sull’aborto è entrata in conflitto con il suo lavoro per Planned Parenthood.

«Ho pensato tra me e me, questo è un bambino, non ci sono dubbi» avrebbe riferito.

“Il suo tono era disturbante”

La donna era incinta di 24 settimane e mezzo (più di sei mesi). Giebink la informò che era troppo in là con la gravidanza per abortire in Sud Dakota o negli Stati vicini. Tuttavia, la donna disse a Giebink che aveva già programmato un aborto in Kansas due giorni dopo. Disse che avrebbe potuto abortire lì se fosse stata a meno di 25 settimane di gestazione. Giebink le aveva appena detto che lo era. Secondo Giebink:

Il suo tono era disturbante per qualcuno della sua età e nella sua situazione. Se avessi saputo che pianificava di attraversare i confini dello Stato nella sua ricerca per interrompere la gravidanza, sarei stata tentata di modificare i numeri per renderla di 25 settimane. Ma era troppo tardi.

Era fuori dalla porta con i documenti, e non la vidi mai più. È stato in casi come questi che le mie convinzioni personali cominciarono a confondersi e ad entrare in conflitto con l’establishment.

Persino Giebink, che praticava aborti regolarmente, trovava difficile accettare che una giovane donna fosse così disinvolta nel sottoporsi ad un aborto tardivo. A più di 24 settimane, il bambino era abbastanza grande da sopravvivere al di fuori del grembo materno. Con la giusta assistenza medica, persino bambini nati a 21 settimane sono sopravvissuti. Questo bambino era completamente sano, e anche la madre. Lei semplicemente non lo voleva.

L’abortista George Tiller, ucciso in una sparatoria, ampiamente condannata nel 2009, eseguiva aborti tardivi nella sua clinica in Kansas. Questa donna potrebbe essersi rivolta a lui.

Il mito degli aborti tardivi per “ragioni di salute”

I pro-choice sostengono che gli aborti tardivi vengono eseguiti solo in casi tragici in cui la vita della donna è a rischio, o quando il bambino è gravemente disabile o sta morendo.

Ma un aborto tardivo non è mai necessario per salvare la vita di una donna (come, a più riprese, anche noi UpV abbiamo mostrato ndr.). E questo caso è solo uno dei tanti in cui il bambino e la madre erano fisicamente sani.

Tiller ha persino ammesso che molti degli aborti che ha praticato riguardavano bambini sani. In un discorso alla National Abortion Federation, ha detto: «abbiamo una certa esperienza con le interruzioni tardive; circa 10.000 pazienti tra le 24 e le 36 settimane e qualcosa come 800 anomalie fetali tra le 26 e le 36 settimane negli ultimi 5 anni».

Per stessa ammissione di Tiller, solo una piccola parte dei suoi casi erano bambini con problemi di salute. Luhra Tivis, che lavorava per Tiller, ha raccontato:

Sono stata testimone del brutale assassinio a sangue freddo di oltre 600 bambini sani e vitali a sette, otto e nove mesi di gestazione. Pochissimi di questi bambini, meno del 2%, erano disabili …

Questi aborti tardivi non erano, come il Dr. Tiller mi aveva detto, necessari per ragioni mediche. Semplicemente, dei bambini vitali venivano uccisi su richiesta.

Mentre Tiller era sotto inchiesta, il Dr Paul McHugh ha esaminato i suoi registri degli aborti. I registri esaminati riguardavano aborti tra le 26 e le 30 settimane.

In un’intervista McHugh ha detto:

[i registri] hanno evidenziato alcuni tipi di cose (ragioni per abortire ndr.), che…a volte erano di natura molto superficiale, dal “non potrò andare ai concerti” o “non sarò in grado di fare sport”, fino a cose più serie, come “non voglio dare il mio bambino in adozione” …Una [motivazione] banale poteva essere (sic!) non poter andare ad un concerto rock. Una più seria poteva essere “sono preoccupata per quel che sarà della vita di questo bambino più in là”.

I registri di Tiller hanno mostrato come donne e ragazze stavano abortendo nel terzo trimestre per frivoli motivi. Quelli erano tutti bambini che sarebbero potuti nascere vivi e sopravvivere. Le loro madri potevano partorirli e scegliere l’adozione. Invece hanno fatto uccidere i loro figli.

L’intervistatore ha chiesto a McHugh se i registri di Tiller avessero mai evidenziato un suo rifiuto nell’eseguire aborti tardivi. McHugh ha risposto:

No, non ho visto alcuna traccia di un rifiuto…guardando quei registri … non riesco ad immaginare che qualcuno possa non soddisfare quei criteri … posso solo dirti che da questi documenti, chiunque avrebbe potuto abortire se avesse voluto … Sembra che Tiller fosse disposto ad eseguire qualsiasi aborto in qualunque stadio della gravidanza.

Naturalmente, l’aborto è ugualmente sbagliato se il bambino ha problemi di salute. Nessun bambino dovrebbe essere intenzionalmente ucciso per nessuna ragione. Ma, come se non bastasse, gli aborti di Tiller, e molti aborti al terzo trimestre di oggi, vengono condotti per ragioni sociali, non certo per ragioni di salute, come l’industria dell’aborto vorrebbe far credere alla gente.

Fonte: LiveAction

Traduzione a cura di

Denise de Matteo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: