Vai al contenuto

Una bambina prematura nata con un peso inferiore a 250 g, è tornata a casa dall’ospedale di San Diego!

Una bambina prematura ritenuta la più piccola sopravvissuta (ad un parto prematuro ndr.) è tornata a casa, ha annunciato un ospedale di San Diego. Sharp Mary Birch Hospital for Women & Newborns ha annunciato che la bambina, soprannominata Saybie, è cresciuta di oltre due chili ed è in buona salute, dopo essere nata due mesi prima. Anche se la famiglia di Saybie desidera rimanere anonima, hanno permesso all’ospedale di condividere la sua storia.

Saybie è nata a 23 settimane di gestazione, con un peso di soli 245 grammi – delle dimensioni di una mela. Secondo il Tiniest Babies Registry (registro che tiene conto delle dimensioni dei neonati ndr.), che è gestito dall’Università dell’Iowa, Saybie è arrivata a pesare sette grammi in meno rispetto al bambino che aveva stabilito il record precedente. A causa di una grave pre-eclampsia (uno stato patologico che può essere indotto da una gravidanza in cui si manifesta un aumento della pressione arteriosa e presenza di proteine nelle urine ndr.), i medici hanno affermato che la vita della madre era a rischio e Saybie non stava ingrassando.

Dopo essere sopravvissuta alla sezione C di emergenza (cesareo ndr.), i medici hanno lavorato per stabilizzarla prima di trasferirla all’unità di terapia intensiva neonatale. “È stato il giorno più terrificante della mia vita”, ha detto la madre di Saybie in un video rilasciato dall’ospedale. Considerata una micro-prematura – nata cioè prima di 28 settimane di gestazione – Saybie era ad alto rischio di numerose complicazioni, tra cui emorragie cerebrali, problemi digestivi e problemi cardiaci e polmonari. Miracolosamente Saybie non aveva nessuno di questi problemi. Tuttavia, prima che potesse tornare a casa, doveva ingrassare e diventare più forte, e lo staff dell’ospedale ha affermato che lo Sharp Mary Birch, che si ritiene abbia una delle migliori UTIN (Unità di Terapia Intensiva Neonatale ndr.) del mondo, abbia aiutato la piccola Saybie a sopravvivere.

“Nessuno si aspetta che il proprio bambino nasca con complicazioni”, ha detto in una dichiarazione Trisha Khaleghi, vicepresidente senior e amministratore delegato dello Sharp Mary Birch. “Ma quando si verifica l’imprevisto, lo Sharp Mary Birch è equipaggiato con le più recenti tecnologie, attrezzature, ricerca e esperti appositamente formati per prendersi cura anche del bambino più piccolo del mondo”.

“Hanno detto a mio marito che avrebbe potuto passare circa un’ora con lei, e poi sarebbe morta”, ha ricordato la madre di Saybie. “Ma quell’ora si è trasformata in due ore, che si sono trasformate in un giorno, che si è trasformato in una settimana”. Saybie ora pesa più di due chili ed è in salute. “Voglio solo che lei sappia quanto è forte”, ha detto una delle sue infermiere nel video. “Insomma, se lei può partire da quella condizione e arrivare al punto in cui è arrivata, non c’è nulla che lei non possa fare”.

“È la bambina più piccola che ci sia”, ha concluso la madre. “Ma … è la mia bambina”.

Fonte: LiveAction

Traduzione di Fabio Fuiano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: